• Tam Tam Energetico
  • PROFETHICA
Finanza
Trasformazione elettrica dei motori endotermici tra ecologia e risparmio

Trasformazione elettrica dei motori endotermici tra ecologia e risparmio

image_pdfimage_print

La battaglia all’inquinamento delle nostre città non conosce sosta, tra blocchi del traffico ed evoluzione della mobilità il mondo dell’automobile sta subendo una vera rivoluzione. 

Ma come si è arrivati a questa nuova ed innovativa soluzione per rendere ecologiche le automobili nate con i motori tradizionali? 

Consolidate le tecnologie degli impianti GPL e Metano su benzina e il recente e innovativo Gpl su Diesel, il nuovo step è quello della trasformazione dei veicoli con motore endotermico in elettrificato. 

Tutto nasce dal decreto del ministero dei Trasporti 1° dicembre 2015 n.219, disciplinante le procedure di omologazione e installazione di “sistemi di riqualificazione elettrica” 

Il kit di trasformazione deve essere composto, per legge, da:

– motore elettrico 

– pacco batterie 

– interfaccia di rete per la successiva ricarica delle batterie 

Il produttore del kit elettrico deve essere ovviamente accreditato presso il Ministero dei Trasporti. 

Il produttore deve dimostrare di essere in grado di produrre il kit secondo un ciclo produttivo rigido che garantisca la qualità e consenta a qualsiasi officina, regolarmente autorizzata di montarlo. 

In pratica il produttore sottopone il kit all’omologazione prima del montaggio sul veicolo che verrà poi eseguito dall’istallatore autorizzato. 

Superato così l’ultimo problema dell’omologazione del veicolo come “esemplare unico” il processo è ora attivo. 

Ma quale sono i vantaggi di questa tecnologia di conversione? Molti visti gli incentivi fino a 3.500 euro per il retrofit elettrico auto reso ufficiale con la pubblicazione in Gazzetta del testo di conversione in legge. 

Fra le novità quindi i nuovi incentivi dedicati al retrofit elettrico per auto

Il termine indica comunemente le operazioni di conversione del veicolo che permettono di trasformare la propria quattro ruote diesel o a benzina in un mezzo elettrico.

Ovviamente i benefici della conversione ad elettrico delle auto di vecchia concezione non si esauriscono con gli incentivi statali. 

Queste vetture infatti tornano a nuova vita essendo equiparate alle più recenti ibride plug-in e potendo quindi circolare anche in condizioni di blocco del traffico. 

Potendo poi viaggiare in modalità solo elettrica grazie ai motori supplementari e al pacco batteria litio di nuova generazione si ottiene anche un vantaggio economico sul costo al chilometro.

Le automobili così convertite diventano ibride plug-in e si ricaricano direttamente dalla rete elettrica di casa. L’Italia e il suo ingegno con la rete delle sue piccole e medie imprese sta segnando un altra pietra miliare in questo nuovo business.

Hits: 75

Spread the love
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...