• Tam Tam Energetico
  • PROFETHICA
Cambiamento climatico
Il miglioramento delle infrastrutture per abbattere le emissioni di CO2

Il miglioramento delle infrastrutture per abbattere le emissioni di CO2

image_pdfimage_print

Sono tanti i percorsi mirati a ridurre o abbattere le emissioni di CO2 entro il 2030; i principali, però, riguardano le infrastrutture. Tra questi, ad esempio, molto discussa è la riduzione degli spostamenti non necessari o l’installazione di nuovi motori per i mezzi pubblici, laddove ancora non vi fosse l’elettrico.

2030: anno chiave per la riduzione delle emissioni

Il 2030 è dunque un anno chiave per la riduzione delle emissioni di C02; è, in qualche modo, il termine ultimo entro cui avere risultati concreti: è stimato il 65% di miglioramento della condizione ambientale.

In primo luogo, bisognerebbe intervenire sulle tecnologie, rendendole il più verde possibile. Vediamo insieme i passi principali:

  1. Produzione di energie rinnovabili
  2. Cattura del diossido di carbonio
  3. Stoccaggio e smaltimento del carbonio nelle industrie

Tecnologie e riduzione delle emissioni nelle infrastrutture

Vediamo, ora, quali sono nel concreto le tecnologie che possono ridurre le emissioni di Co2 ed i possibili miglioramenti nelle infrastrutture.

Per quanto riguarda gli edifici, ad esempio possiamo citare le fabbriche per la produzione delle tecnologie pulite, ma anche tutti i processi di elettrificazione.

Infrastrutture: la novità assoluta sono gli smart building! Si tratta di palazzi in cui gli impianti sono gestiti in maniera intelligente, ma soprattutto automatizzata. Il core di questi edifici sono le infrastrutture di supervisione e controllo, che servono principalmente a ottimizzare il consumo energetico, ma anche il comfort. Infine, c’è anche un aspetto di messa in sicurezza degli occupanti, che garantisce l’integrazione con il sistema elettrico.

Per creare, quindi, due categorie di riferimento, si potrebbe dire che esistono gli hard benefit (risparmio energetico, ottimizzazione della produttività) i soft benefit, il cui obiettivo principale è quello di migliorare le condizioni socio-ambientali degli occupanti. Si occupano, quindi, di sostenibilità ambientale, sicurezza, comfort. In quest’ultima categoria però rientrano anche la telegestione e il telecontrollo. Cosa sono? Una serie di sistemi e apparecchiature che riescono a controllare, specie a distanza, gli impianti distribuiti in un territorio.

Hits: 9

Spread the love
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...